Un’opera toccata da un’infinita grazia.

Il Corriere della Sera